Dodici regole per dormire meglio

Il mondo occidentale ha un problema molto serio: è depresso e dorme male. Secondo i dati ufficiali, la terra è un pianeta in depressione. Sapete quanti depressi ci sono nel mondo? 350 milioni. E dunque, parlando di popoli e di culture, non si può evitare una analisi su questa piaga del mondo occidentale. Spesso però i disturbi del sonno sono la conseguenza di cattive abitudini e comportamenti non corretti. Da qualche anno ormai si parla di igiene del sonno, ed ecco i “dodici” comandamenti per dormire meglio a casa nostra. Provate a seguire queste semplici regole e fateci sapere.

baby-784608_1920

  1. evitare alcol e caffeina
  2. cenare almeno due ore prima di coricarsi e assumere alimenti leggeri e sani
  3. scegliere la biancheria giusta e appropriata nel letto, che favorisca il comfort e il riposo
  4. dotarsi di cuscini adeguati alla postura e alle proprie abitudini del sonno, dormire nel proprio letto, perché il corpo è un abitudinario, scegliere il materasso più adatto al proprio fisico e alle proprie esigenze ed è necessario fare delle prove per trovare quello che consente un sonno profondo e naturale, senza generare dolori o rigidità muscolare
  5. regolare la temperatura della camera da letto e l’umidità in modo tale che non faccia troppo caldo e che l’aria non sia troppo secca (vi sono ottimi umidificatori in commercio). La temperatura ideale è 18 gradi, non oltre: un ambiente troppo caldo interferisce con il sonno e rende le persone irrequiete per tutta la notte
  6. prestare attenzione a profumi e odori: alcune sostanze hanno un effetto positivo sul sonno, rilassano e migliorano la qualità del riposo notturno. Segnaliamo la lavanda che dimostra di diminuire la frequenza cardiaca e la pressione del sangue ma anche il legno di cirmolo il cui profumo, secondo studi di università austriache, ha forti proprietà rilassanti (cuscini di cirmolo o semplici trucioli si trovano facilmente on line o nei negozi di quasi tutte le principali località alpine)
  7. eliminare pensieri negativi e ansiogeni, tipo: “cosa devo fare domani”. Scegliere alcuni pensieri e fantasie positive e lasciarsi cullare da essi
  8. mantenere la camera da letto pulita, sgombra, spolverata, ordinata. Eliminare pc e tv
  9. il silenzio è essenziale e il rumore rovina la qualità del sonno, infatti durante il sonno, il cervello continua a registrare ed elaborare i suoni. Se vi sono rumori esterni, dotarsi di buoni tappi (confortevoli e morbidi, in farmacia) per le orecchie
  10. si dorme meglio al buio, quindi luci spente
  11. evitare l’uso del pc e degli smartphone nei 60 minuti antecedenti il sonno, perché influenzano negativamente le attività celebrali
  12. leggere un buon libro prima di addormentarsi: una vecchia “ricetta” ma sempre valida.

E buon riposo.