Himalaya, la casa della neve

himalaya

La catena dell’Himalaya – il nome significa “casa della neve” – si estende per circa 3400 chilometri e quattordici cime superano gli ottomila metri di altezza, dividendo il sub-continente indiano dal resto dell’Asia. Tra queste cime, come ben sappiamo, spicca l’Everest che, con i suoi 8850 metri, è la montagna più alta del mondo.
Ma come si è formato l’Himalaya? E’ nata dallo scontro della placca indiana contro quella euroasiatica.  Nell’Himalaya gli uomini hanno sempre trovato un ostacolo formidabile e il controllo dei suoi valichi è ancora oggi motivo di seri contrasti fra i paesi circostanti. Ma l’Himalaya è anche la più grande ruga della Terra. Un sistema montuoso lungo circa 2.500 km (circa il doppio delle Alpi) tra la Cina e l’India, e ospita la cima più alta della Terra (Everest, 8.848 m) e altre nove cima sopra gli 8.000 m e circa 200 oltre i 7.000. Nonostante le sue dimensioni, l’Himalaya è solo una parte dell’immenso corrugamento prodotto dalla collisione tra diverse zolle di crosta terrestre: quelle meridionali ‒ come l’Africa, la Penisola Arabica e, nel caso himalayano, il subcontinente indiano ‒ slittarono verso nord fino a scontrarsi con la massa eurasiatica, provocando il sollevamento dei bordi, cioè la formazione delle montagne.