Dentro il mistero del mostro di Loch Ness

SULLE TRACCE DI "NESSI", IL MOSTRO PIU' FAMOSO DEL MONDO

Gli inglesi lo chiamano affettuosamente “Nessi”, il terribile mostro di “Loch Ness” avvistato più volte fin dal dal VI secolo d.C. e apparso addirittura in un’immagine satellitare di Apple Maps nel 2014, è al centro del folklore e delle leggende scozzesi, così come di numerosi scherzi. Secondo lago scozzese sia per estensione che per profondità, Loch Ness contiene più acqua dolce di tutti i laghi inglesi e del Galles. Sono molto i turisti che sperano di vederlo: l’agenzia Jacobite organizza escursioni da Dochgarroch Lock fino a sud di Inverness, a bordo di una delle sue quattro barche, tra cui la nave ammiragia Jacobite Queen, un’imbarcazione regale costruita nel 1949. Da Fort Augustus, invece, partono piacevoli crociere panoramiche e corse adrenaliniche ad alta velocità a bordo di gommoni con carena rigida organizzate da Cruise Loch Ness.

In yacht alla ricerca del mostro

APPOSTATI CON SMARTPHONE E TELECAMERE

Con telefono, macchina fotografica e telecamera accesa, tutti sperano che Nessi si faccia di nuovo vivo. Per chi vuole sapere tutto su Nessie, nel vicino villaggio di Drumnadrochit ci sono due attrazioni turistiche legate al celebre mostro. Loch Ness Centre & Exhibition, inaugurata dall’esploratore Sir Ranulph Fiennes, indaga a trecentossenssanta gradi miti e leggende associati a questo mostro: tra le attrazioni, insignite di diversi premi, ci sono anche schermi multimediali, attrezzatura per ricerche storiche, filmati subacquei originali e i dettagli su scherzi e testimonianze affidabili di oltre mille avvistamenti. Nessieland, invece, è un’attrazione dedicata alle famiglie, un parco giochi divertente per “familiarizzare” con la leggenda. Merita una visita anche Inverness, Conosciuta come la capitale delle Highlands scozzesi, la storica città di Inverness è il punto di partenza ideale per esplorare i laghi, i monti e le baie della Scozia settentrionale. Il nome deriva dal gaelico “Inbhir Nis”, ossia la “bocca del Ness”. Inverness, infatti, si trova nel punto in cui il River Ness sfocia nel mare dal Loch Ness.

Tradizionale bevuta e concerto nel pub scozzese

Ma nessun viaggio in Scozia può dirsi completo senza una visita a una distilleria di whisky ancora attiva per scoprire come viene distillato ogni singolo whisky al malto. A ovest di Inverness e Loch Ness si trova la Glen Ord Distillery, una delle più antiche distillerie scozzesi, fondata nel 1838. Nel processo di maltazione, Glen Ord utilizza il proprio orzo e sfrutta processi di lunga fermentazione e distillazione lenta tramandati per generazioni, al fine di distillare il whisky Singleton of Glen Ord, dal gusto dolce, fruttato e leggermente speziato. Il tour della distilleria dura 90 minuti e prevede una degustazione guidata di alcuni assaggi direttamente dalla botte.

Glen Ord, la famosa distilleria

FULL IMMERSION NELLA CULTURA CELTICA

Per entrare anche nel vivo, ci si può immergere a 360 grandi nella cultura celtica partecipando a un ceidlich, un tradizionale raduno scozzese che riunisce musica folkloristica e balli. Hootananny’s, premiato pub con musica dal vivo, rivendica il ceidlich più lungo in Scozia. Sito nel cuore di Inverness, il pub ospita band rock, soul, blues e funk scozzesi e internazionali; il suo rinomato ristorante offre pietanze tipiche scozzesi e abbondanti porzioni di lombata di angus di Aberdeen, eglefino del Mare del Nord con patatine, e haggis (frattaglie di pecora) con rape bianche e purè di patate. Altrettanto degno di nota, Gellions è un tradizionale pub scozzese che ogni sabato ospita un popolare ceidlich.