Il naturismo è un ritorno alla natura per ritrovare se stessi e vivere in modo autentico. E’ un movimento nato negli anni Venti in Germania, che proclama la necessità di ritornare a una vita semplice, spontanea, a contatto con la natura, attraverso la semplificazione del proprio modo di vivere e di nutrirsi. Un movimento che rilancia la necessità di alimenti sani e naturali, vegetariani. Uno stile di vita in armonia con la natura e con se stessi.


Vacanze naturiste alle Betulle

Nel fitto verde della Val Ceronda, tra le alpi Graie Piemontesi, si trova una struttura unica in Italia, il villaggio natur-turistico Le Betulle dove il naturismo autentico, vale a dire non il semplice nudismo, è parte della vacanza nella natura, che non può essere completamente apprezzata e vissuta senza il contatto più diretto e meno artificioso con essa che solo il naturismo può dare. Il rispetto per l’ambiente e gli animali passa necessariamente per il rispetto per le persone che sono sempre nude nel loro essere interiore e, se lo desiderano, in questo luogo possono esserlo anche esteriormente (continua a leggere).


Nudi all’Elba

Con una delibera datata 17 novembre 2015, il comune di Capoliveri, isola d’Elba, ha deciso di ufficializzare la pratica del nudismo e di riservare la splendida spiaggia di Acquarilli, sotto l’omonimo promontorio a picco sul mare, al naturismo. Si tratta della prima, ed al momento sola, spiaggia ufficialmente autorizzata alla pratica sull’Elba, anche se nell’isola vi sono almeno altre quattro spiagge dove liberarsi degli ingombranti indumenti e vivere appieno il contatto con la natura (continua a leggere).

Yoga in barca a vela

Yoga in barca a vela? E’ un’idea che sta riscuotendo un notevole successo e che sarà assai gettonata la prossima estate. Un’attività non solo per l’altra metà del cielo, anche se le donne sono indubbiamente più affezionate degli uomini allo yoga. Ma come si pratica lo yoga in barca? Clicca sulla foto e leggi l’articolo.


Senza veli in mezzo al mare

Crociere per nudisti? La proposta è decisamente affascinante: un itinerario di 3 notti/4 giorni in barca a vela per chi ama prendere il sole senza veli ed è un naturista. Partenza dalla Toscana (porto turistico di Castiglioncello o di Scarlino) e rotta verso le 3 più belle spiagge per nudisti dell’Isola d’Elba dove si sbarca con il tender. Un mondo affascinante, da vivere in totale libertà.


Per leggere tutti gli articoli della sezione Naturismo clicca qui


Il nudismo è solo una delle componenti del naturismo. Praticato comunemente nei Paesi del Centro e Nord Europa e di lingua tedesca (basti pensare ai centri wellness in Germania, Austria, Svizzera, Svezia dove il costume da bagno è vietato), oggi sta prendendo piede anche nei Paesi del Sud Europa, dunque anche in Italia. Ma il naturismo è un modo di vivere e di pensare sano, che parte dal rispetto verso le persone, per arrivare al rispetto degli animali e dell’ambiente attraverso uno stile di vita che vede la nudità come un fatto normale, come conseguenza del proprio modo di essere interiore, senza malizia, senza doppi fini, senza ambiguità. Il naturista ha uno stile di vita sano, si alimenta con cibi genuini, pratica attività sportiva all’aria aperta: il suo stare nudo è la logica conseguenza di queste scelte di vita. In questa prospettiva la nudità è una condizione né degradante né offensiva. Trasgressione ed esibizionismo sono molto lontani dalla logica del naturismo.

Naturismo e nudismo non sono sinonimi. Il naturismo fin dall’inizio degli anni Venti promuove il contatto diretto dell’essere umano con la natura. Pilastri di questa filosofia sono il rispetto delle persone, degli animali e dell’ambiente. Tutto ciò non va confuso con il semplice nudismo, cioè con la pratica della nudità. Il nudismo viene praticato prevalentemente in zone balneari, ma talvolta senza quelle particolari convinzioni di rispetto della natura o di una vita sana che invece contraddistinguono il naturismo.

Nudismo non è trasgressione

Ma vi è un concetto comune alla base sia del naturismo che del nudismo: considerare la nudità una condizione non indecente, né immorale, né offensiva per sé stessi e per gli altri, ed essere consapevoli del benessere che proviene dalla nudità. Attenzione: gli atti trasgressivi, l’esibizionismo, il disordine sessuale sono attività totalmente estranee sia al nudismo che al naturismo. La nudità diventa quindi un’espressione culturale, di corporeità e di vita. I sociologi individuano 4 elementi centrali della filosofia naturista: la riscoperta del valore del corpo in relazione al benessere psichico; una visione equilibrata della relazione tra corpo e sessualità; l’utilità psicofisica di una pratica sportiva o comunque di un regolare esercizio fisico; la riscoperta della “medicina naturale” che, affiancandosi alla medicina ufficiale (che è e resta la medicina di riferimento), ha l’obiettivo di conservare l’individuo in buona salute abbracciando il benessere di tutto il corpo e della sfera psichica. I numeri? Assai significativi: nel 2010 si contavano circa 22 milioni di naturisti in tutta Europa, il doppio negli Stati Uniti. Ma negli ultimi anni la moda è cresciuta e con esse le stime di chi abbraccia uno stile di vita alternativo. In Italia, negli anni, si sono moltiplicati gli spazi e le spiagge dedicate al naturismo e al nudismo. Niente sesso libero, per chiarire, ma un luogo sereno dove, sotto il caldo sole estivo, recuperare benessere di corpo e anima.