In viaggio fra popoli e culture lontane, alla scoperta di civiltà perdute e mondi sconosciuti…


ISTANBUL, dietro il velo dell’ISLAM

di Giovanni Baldoni

Istanbul è una città dai mille volti: impossibile coglierla nella sua interezza. E’ troppo complessa. Lo è sempre stata, nella storia, e sempre lo sarà. Punto di confine fra oriente e occidente, anello fra Europa ed Asia, è un luogo dove oggi coesistono e convivono culture differenti.

Ma la nostra missione è ben definita: siamo venuti qui, ad Istanbul, con uno scopo ben preciso: vivere (da laici) per qualche giorno, l’Islam. Senza, ovviamente, la pretesa di capire, ma con la speranza di intuire, di farci un’idea di ciò che si cela dietro i mille luoghi comuni a cui siamo abituati. Clicca sulla foto e leggi l’articolo.


MALDIVE, fra passato e futuro

Ritratti ad Ukulhas, di Giovanni Baldoni

Dimentichiamo per un attimo i resort, e immaginiamo un mondo d’acqua abitato da una popolazione di 350 mila persone. Benvenuti alle Maldive, quelle autentiche. Un mondo sospeso fra passato e futuro: da una parte ci sono tradizioni antiche e la rigorosa applicazione della Sunna, il codice di comportamento sacro dell’Islam (un termine che significa, consuetudine, abitudine: uno dei testi sacri della religione musulmana), dall’altra ci sono motori marini four stroke di ultima generazione che in Italia ce li sogniamo, tv  a schermo piatto, Iphone di ultima generazione, wifi (perfettamente funzionante) su tutte le isole, impianti di desalinizzazione e depurazione dell’acqua di altissimo livello tecnologico, finanziati peraltro dall’Unione europea. E in mezzo i bambini: alcuni scorrazzano nelle strade delle isole maldiviane abbigliati all’occidentale, con occhiali da sole e abitini sportivi, altri – soprattutto le ragazze che entrano nella pubertà – con il velo nero sulla testa, che ben presto coprirà l’intero corpo. Clicca sulla foto e leggi l’articolo.


OMAN fra Asia e Africa

di Alessandra Fusè

Oman, deserti e coste, altipiani e oasi: un mondo a parte che sorprende per la varietà dei paesaggi. Le aspre e spettacolari montagne del massiccio Hajjar sono circondate da valli, oasi e villaggi che precedono la vasta distesa desertica con altissime dune di sabbia rosse, gialle, ocra e dorate. Addentrarsi nel deserto omanita e pernottare in un campo tendato, permette di apprezzare a fondo la bellezza del Sultanato, e grazie alle temperature miti e alla minima escursione termica in inverno lo si potrà apprezzare ancora di più. Punto di incontro tra l’Asia e l’Africa, l’Oman è un paese montuoso circondato da deserti che si affaccia sull’Oceano Indiano e sul Mar d’Arabia Quasi fosse sospeso nel tempo, l’Oman si apre al mondo moderno con un occhio di riguardo per le proprie tradizioni: sport estremi e animati suk, lussuosi resort con moderne SPA convivono con antiche fortezze e tradizioni dei popoli del deserto. Clicca sulla foto e leggi l’articolo.


Dove la terra è SANTA

di Pierluigi Pennati
Una terra davvero santa quella che si estende in Palestina, ma per scoprirlo non è necessario credere in Dio attraverso una delle tre grandi religioni monoteiste che radicano la loro origine a quei luoghi: bisogna fare la stessa esperienza sensoriale che fanno i milioni di pellegrini che ci si recano. Un pellegrinaggio consapevole, cioè una visita in quei luoghi denominati “terra santa”, libererà una parte del nostro spirito come forse non avremmo potuto immaginare e ci farà percepire come sia stato possibile che proprio lì, addirittura negli stessi luoghi fisici e condividendo profeti e scritture, si possono essere formate le religioni musulmana, ebraica e cristiana. Clicca sulla foto e continua a leggere.


TUTTI GLI ARTICOLI SU POPOLI E CULTURE

Se vuoi leggere tutti gli articoli su Popoli e Culture, clicca sulla foto.