Il salto del Cervo – Hirschsprung

Hirschsprung significa letteralmente “salto del cervo” ed è un luogo della foresta Nera Tedesca situato in una valle chiamata Hollental. Si tratta forse delle gola più stretta della Foresta Nera ed il suo nome trae origine da una leggenda locale.

La leggenda del salto del Cervo (Hirschsprung Sage)

Si narra che un cavaliere del castello di Falkenstein si trovasse nella valle Höllental per la caccia, quando avvistò un magnifico cervo e si mise ad inseguirlo. Il cervo, giunto sull’orlo della gola, spinto dalla paura della morte spiccò un salto enorme sul burrone e riuscì a sfuggire al suo inseguitore. Anche se la larghezza originale della gola di soli 9 metri alla base, ma sulle sommità, alte fino a 130 metri, molto di più, la cosa non appare verosimile, ma la leggenda si tramandò in questo modo, diventando così comune e famosa che nel 1856 il comune di Falkensteig volle collocare un cervo di legno sulla sommità del punto più stretto in occasione delle nozze del Granduca Friedrich e Luisa di Prussia.

Il memoriale del Cervo (Hirsch Memorial)

Da allora sulla sommità della roccia c’è sempre stato un cervo, inizialmente di legno, sostituito una prima volta nel 1874 con uno nuovo ed ancora nel 1887 a seguito di una tempesta che distrusse il precedente, resistendo fino al 1904. Nel 1907 a seguito di donazione fu collocato al posto di quello di legno un cervo in bronzo dal peso di 350 kg ed alto 2,50 m progettato dallo scultore Günther e prodotto presso la fabbrica di ornamenti di Heidelberg. Nel 2010 il servizio forestale ha eseguito un restauro dell’animale che aveva subito danni di ogni tipo, durante la guerra e per il vandalismo. Oggi il monumento ha mantenuto il suo colore verde originario ed è stato dotato al suo interno di una capsula del tempo all’interno nella quale è stato posto il ricordo di questo restauro.

ravennaschlucht

La gola di Hollental

La parte centrale canyon si restringe sull’Hirschsprung, le pareti si ergono in questo punto fino a 130 metri sopra il piccolo fiume Rotbach, chiamato anche Hollenbach, che segna anche il confine tra il quartiere Breitnau e Buchenbach. Alla base della gola, unico passaggio verso la più ampia zona dove si trova il Titisee, la distanza tra le rocce era di soli 9 metri ed il passaggio veicolare intenso, ragione per cui venne realizzato già molto tempo fa un allargamento per far spazio ad una strada carreggiabile più ampia. Oggi, nonostante lo stretto passaggio, è possibile transitare in automobile agevolmente ma l’Hirschsprung più suggestivo è quello che si può godere percorrendo i sentieri alla sua sommità, in particolare lo Jägerpfad, il percorso del cacciatore, aperto dal 1926 ma parzialmente chiuso dal 2002 a causa di caduta massi. Nonostante la strada che lo attraversa e la non distante stazione ferroviaria abbandonata, il luogo resta uno dei più suggestivi e curiosi della Foresta Nera, capace di affascinare anche il frequentatore più assiduo per la ricchezza delle varianti dei percorsi circostanti.

Un luogo si classifica punto di fuga se ti mette a stretto contatto con la natura e la natura è dominante
se ti fa star bene con te stesso se ti fa venir voglia di non tornare più a casa
se ti dà emozioni forti se, una volta tornato, lo porti con te nel cuore
PUNTO DI FUGA Il salto del Cervo – Hirschsprung
Perché è un punto di fuga (giudizio dell’autore) Perché mette a contatto con la natura
Punteggio da 1 a 10 7
Consigli Meglio la visita in estate