La casa del Diavolo

SINKHOLE BIMMAH - OMAN

I sinkholes sono definiti come fenomeni di sprofondamento catastrofico, ovvero un tipo di dissesto generato sulla superficie del suolo da un improvviso e repentino collasso in un tempo ristretto, massimo 6/24 ore, differenziandosi dalle forme di evoluzione carsica. Quando si verificano in zone popolate comportano gravi danni alle infrastrutture e qualche volta perdite di vite umane. Nel nostro paese questi grandi eventi naturali non sono ancora stati, fortunatamente, registrati. Uno dei Sinkhole più belli al mondo è certamente quello chiamato Bimmah in Oman, si tratta di una caverna di calcare a ciotola impressionante, che è sfruttata anche come attrazione turistica trasformando una cosa che in altri posti ingoia case ed auto in un parco pubblico ombreggiato a sufficienza da accogliere gradevolmente i visitatori pur trovandosi nel mezzo di un arido terreno desertico e roccioso. Situato ad un paio d’ore di macchina lungo la nuova autostrada costiera che collega la capitale Muscat a Sur è distante solo e poche centinaia di metri dalla costa ed è velato da un mistero, dato che i geologi non hanno saputo dare risposte precise sulla reale natura di questa voragine. Tra le teorie più accreditate c’è, ovviamente, quella di uno sprofondamento naturale del terreno, ma anche del cratere lasciato da un meteorite precipitato, mentre gli abitanti del posto chiamano il luogo “la casa del diavolo”. Sul fondo della dolina è presente una piscina naturale di acqua dolce mista ad acqua di mare che fa pensare ad un tunnel sotterraneo che la collega alle non molto distanti acque aperte, ma la sua profondità e le sue acque non sono mai state completamente esplorate lasciato aperta la questione. Questo non è l’unico sinkhole dell’Oman, ma è certamente uno dei più grandi e spaventosi del mondo, ma dalle acque così limpide che normalmente sono frutto di photoshop sulle cartoline delle vacanze.