Sa Buddidorgia, Sardegna sconosciuta

E' un piccolo fiume vicino a Costa Rei e Villasimius, che produce uno spettacolo naturale formato da cascate e pozze d’acqua trasparentissima

Sardegna, mare cristallino ed entroterra selvaggio, dominio di pastori e briganti, una delle mete marine più conosciute e gettonate al mondo, paragonata spesso ai Caraibi, ma con la tradizione mediterranea che la rende un luogo unico, e luogo dove sono stati girati molti film, i più conosciuti ambientati nel lontano west americano. Eppure, mentre tutti guardano alla bellezza del mare, nel suo entroterra ci sono luoghi solitari e sconosciuti entrando nei quali sembra di attraversare un portale spaziale che ci trasferisce in aree lontane della terra, foreste equatoriali e cascate amazzoniche.

È il caso di Sa Buddidorgia, un piccolo fiume che si trova non lontano dalle spiagge di Costa Rei e Villasimius, che produce uno spettacolo naturale formato da cascate e pozze d’acqua trasparentissima ed irreali, con getti d’acqua che terminano in piscine naturali di un verde smeraldo impossibile da descrivere compiutamente e che lasciano senza fiato gli escursionisti. Una natura selvaggia e poco frequentata, dai colori e profumi intensi e spettacolari senza i pericoli delle foreste lontane da noi, una visita in un luogo senza tempo che lascia senza fiato. Si tratta di un luogo davvero unico, un vero paradiso terrestre, anche perché fortunatamente ancora sconosciuto dal turismo di massa e frequentato da poche persone che si recano in Sardegna non solo per il suo mare ma anche per queste bellezze naturali più nascoste e difficili da raggiungere.

Il luogo, inoltre, è stagionale, infatti il suo massimo splendore lo raggiunge quando, in alcuni periodi dell’anno, le piogge alimentano il corso del fiume, altrimenti quasi in secca, e la primavera è il periodo migliore per ammirarne lo spettacolo. Le sue cascate più impressionanti si trovano, però, all’interno di un’area militare dove non è possibile entrare, nemmeno accompagnati da una guida, e per ammirarle si può solo raggiungerle a piedi risalendo il sentiero detto del Fosso del Frate, che costeggia buona parte del torrente e permette di raggiungerne la base, senza però poter proseguire oltre. La passeggiata è comunque piacevole, oltre all’acqua che scorre trasparente, lungo il percorso ci si avvicina ad altri luoghi incantevoli, come un’altra bellissima cascata sul ramo destro del fiume e le vasche del tratto inferiore nelle quali i più temerari possono persino bagnarsi nelle acque gelide. Il luogo, situato tra Villaputzu e Perdasdefogu, è comunque conosciuto dalle guide, quindi oltre alla consueta raccomandazione di non disturbarne la quiete e rovinarne l’armonia con visite irrispettose della natura, suggeriamo di prendere precise informazioni per raggiungerlo e di equipaggiarsi adeguatamente, i luoghi abitati nei dintorni non sono molti.